Koh Phangan- Dove la natura è madre

GUARDA IL VIDEO QUI:

Dopo il caos delirante di Bangkok, la seconda meta del mio viaggio in terra thailandese è stata decisamente diversa.

Si tratta di un luogo avulso da tempo e spazio, incastonato in una perfetta dimensione alternativa, una sorta di realtà parallela. A regnare, in questo angolo di paradiso, nient’altro che la Natura.

Selvaggia, lussureggiante, incantevole.

Koh-Phangan, isola a sud della Thailandia, ha rubato il mio cuore, così come quello di tutte le persone che hanno avuto la fortuna di metterci piede.

Ho vissuto due settimane in una casetta di legno nel mezzo della giungla, con un amaca in veranda e la spiaggia con il tramonto più suggestivo che abbia mai visto dall’altra parte della strada. Cosa chiedere di più?

 

Non solo Full Moon

Koh Phangan è estremamente famosa per un epico evento che si ripete  a ogni luna piena del mese: il famigerato Full Moon Party.

Così quando la luna splende in tutta la sua interezza, la spiaggia di Haad Rin si accende di luci, fuochi, colori flou e musica a tutto volume, dando luogo a una delle feste più famose al mondo, a cui partecipano migliaia di giovani da ogni dove (costo dell’entrata solo 100 Bath).

Un evento da non perdere, anche se non siete dei party animals!

Il Full Moon party viene inoltre preceduto una settimana prima dall’Half Moon party, e un giorno prima dallo psichedelico Jungle Party.

Insomma, sull’isola non ci si annoia mai!

All’indomani del Full Moon, quasi tutti i festaioli vanno via a smaltire la sbornia: ecco che Koh Phagan diventa un paradiso privato tutto da esplorare.

Ci sono spiagge dall’acqua cristallina circondate da boschi fitti, cascate in mezzo alla giungla, cieli con stelle talmente grandi da sembrare finte, tramonti rosa.

Koh Phangan non è soltanto il Full Moon, è molto di più.

Nella cartina qui in basso ho segnalato in giallo le spiagge migliori; la mia preferita è in assoluto quella di Tan Sadeet, in cui si può affittare un kayak per 60 Bath all’ora. In verde ho segnato le cascate: quella di Phaeng è la più suggestiva in quanto, dopo essersi arrampicati su per la giungla, arriverete alla fonte, dove è possibile fare il bagno!

L’isola della libertà

 

Se c’è una cosa che mi ha particolarmente colpito e affascinato della Thailandia in generale, ma in particolare modo di Koh Phangan è l’assoluta libertà che si respira.

Nell’isola regna una certa atmosfera hippy, in cui tutti vivono in uno stato di perenne di relax e beatitudine, andando in giro scalzi e con abiti coloratissimi. Vedrete infatti tonnellate di gonne e pantaloni con disegnati sopra gli elefanti, tema assai ricorrente in questa terra.

Se siete appassionati di yoga o meditazione, pratiche di mindfulness e guarigioni alternative, allora Koh Phangan è il luogo perfetto in cui ritrovare la propria spiritualità o intraprendere/continuare un cammino di crescita personale.

Ci sono infatti molte scuole di yoga e luoghi in cui praticare la meditazione, ritiri spirituali in spiaggia o nella giungla.

La bellezza dell’isola vi farà ritrovare quel contatto con la natura che si perde vivendo in città, in cui il verde sparisce seppellito dal cemento. 

Come arrivare e dove alloggiare

Per arrivare a Koh Phangan ci sono diversi modi: la soluzione più rapida  è volare da Bangkok a  Surat thani e da li prendere una barca che in meno di due ore vi porterà sull’isola.

Non essendo un’amante delle soluzioni rapide, ho optato per un biglietto combinato di autobus, (con bagno e aria condizionata) e barca a soli 700 Bath, che da Bangkok ha impiegato la bellezza di circa 15 ore!

Sull’autobus si cominciavano già a notare i volti stanchi e stremati di altri backpackers che stavano viaggiando a Koh Phangan o verso altre isole, come Koh Samui e Koh Tao (a proposito, entrambe meritano una visita!).

L’attesa è stata ben ripagata alla fine: il mare turchese cristallino ci stava aspettando, luccicando sotto la luce del sole cocente.

Per quanto riguarda l’alloggio potrete optare tra un ostello in riva al mare o un bungalow vicino la spiaggia o nella giungla a prezzi veramente modici.

Consiglio di alloggiare nella zona nord o nord est dell’isola in quanto è più vicina alle spiagge più belle.

Cosa fare

Koh Phangan è il luogo perfetto per rilassarsi, meditare ed essere a stretto contatto con la natura. Il modo migliore per godere di tutto ciò che vi circonda, è andare in giro affittando uno scooter (al giorno costa 250 Bath, 5 euro), i taxi infatti sono abbastanza cari.

Così dopo un’intera giornata passata tra la spiaggia e la giungla, arriva il momento della cena: il Phantip night market a Thong Sala, la zona vicino il porto, è aperto dal pomeriggio fino alle 11 di sera circa ed è possibile mangiare a prezzi veramente ridotti (intorno ai 50/60 Bath a pasto, 1.50-2 euro).

Per lo shopping e tanto altro cibo non perdete il marcato del Sabato a Chinese Street, dalle 5 di pomeriggio in poi.

Dopo aver guardato un tramonto coloratissimo sulla cima di una collina, sorseggiando una birra a bordo piscina presso l’Amsterdam bar o il Bluerama, ecco che inizia la vita notturna.

Ogni sera  a Koh Phangan succede qualcosa di diverso: il lunedì jam session al bar all’aperto chiamato Jam, ogni martedì e sabato Eden Party in cui si balla musica elettronica a piedi nudi sulla sabbia; ogni domenica al Lo Lai si tiene una festa su un bar galleggiante; ogni sabato si balla reggae al Rasta Home… Le feste si trovano tutte in località sparse e a volte isolate, per cui l’isola rimane sempre avvolta in una silenziosa atmosfera di relax,  dove è la natura a fare da padrona.

Cosa state aspettando? Correte a fare le valigie!

ps: Troverete tutto le news, eventi dell’isola qui: https://phanganist.com/

 

GALLERY

    

 

NON DIMENTICARE DI GUARDARE IL VIDEO QUI:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *